vai al contenuto. vai al menu principale.

Il comune di Sizzano appartiene a: Regione Piemonte - Provincia di Novara

Sizzano D.O.C.

Un riconoscimento notevolissimo delle pregiate qualità del vino di Sizzano è costituito dal Decreto del Presidente della Repubblica (all'epoca Giuseppe Saragat) con il quale il 18 luglio 1969 venne riconosciuta la "denominazione d'origine controllata" Sizzano.
Il disciplinare di produzione allegato al Decreto stabilisce anzitutto la proporzione delle uve da impiegarsi per produrre il Sizzano d.o.c.: Nebbiolo (Spanna, Vespolina e Bonarda novarese (o uva rara), rispettivamente nei quantitativi del 40-60%, del 15-40% e del 25%, purchè tutte prodotte nel territorio del Comune e nelle condizioni ambientali e di coltura tradizionali, escludendo i terreni esposti a nord e giacenti sui fondovalle.
La gradazione alcolica naturale minima del Sizzano è di 11 gradi e mezzo; l'invecchiamento obbligatorio è di almeno tre anni, due dei quali in botti di rovere o di castagno. L'articolo 6 del disciplinare, infine, ci dà la. carta d'identità del Sizzano d.o.c.: colore rosso rubino con riflessi di granato; odore vinoso con caratteristico profumo di violetta fine e gradevole; sapore asciutto, sapido e armonico. Il Sizzano veniva riconosciuto, come si è detto, il 18 luglio 1969; il giorno stesso, in modo analogo, era conferita la d.o.c. al Boca, il 13 agosto seguente al Fara, il 18 settembre al Ghemme. Si componeva in tal modo una splendida e raffinata corona di vini novaresi giustamente assurti all'onore del blasone ufficiale.
Proprio nei nostri giorni, nel 1994, una nuova denominazione di origine controllata è venuta ad aggiungersi a quelle già esistenti per il Novarese, si tratta della d.o.c. Colline Novaresi: Colline novaresi, colline novaresi bianco. Colline novaresi barbera, colline novarese uva rara o bonarda, colline novaresi nebbiolo o spanna, colline novarese vespolina, colline novaresi croatina, destinata a qualificare la produzione dei vini più giovani, il cui consumo è in crescita, accanto e a supporto di quella più nobile e da invecchiamento cui saranno dedicate uve ancor più selezionate.
La nuova d.o.c. comprende diversi vini bianchi e rossi prodotti nel Medio Novarese, nella zona compresa tra Grignasco, Borgomanero, Marano Ticino, Oleggio e Briona: Sizzano, Ghemme e Fara vi troneggiano proprio al centro.

Allegati